Conto Termico 2.0

Energie rinnovabili: fotovoltaico

indice articoli >> Energie Rinnovabili >> Conto Termico 2.0

Il Conto Termico è stato introdotto dal Ministero dello Sviluppo Economico attraverso il DM 28/12/12 (Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni). Il DM 28/12/12 aveva previsto anche incentivi specifici per la Diagnosi Energetica e la Certificazione Energetica ed era rimasto attivo fino al 30/05/2016, per essere sostituito dal 31/05/2016 dal nuovo Conto Termico o Conto Termico 2.0, previsto dal DM 16/02/2016.

Il nuovo Conto Termico ha introdotto dei miglioramenti e delle novità rispetto a quello precedente, allargando le modalità di accesso e dei soggetti ammessi, introducendo nuovi interventi di efficienza energetica ed innalzando il limite per l’erogazione degli incentivi in una unica rata da 600 € a 5000 €. A disposizione ci sono 900 milioni di euro annui, di cui 200 per le PA, le cooperative di abitanti o sociali e le società di patrimonio pubblico e 700 per privati e imprese. I termini per il pagamento dell’incentivo dalla conclusione della procedura passano da 180 a 90 giorni.

Soggetti ammessi

I beneficiari degli incentivi previsti nel nuovo Conto Termico sono:

  • amministrazioni pubbliche, compresi gli ex Istituti autonomi case popolari, le cooperative di abitanti iscritte all’Albo nazionale delle società cooperative edilizie di abitazione e dei loro consorzi. Sono inoltre ricomprese le società a patrimonio interamente pubblico, nonchè le società cooperative sociali;
  • soggetti privati.

Tipologie di interventi incentivabili ed incentivo

Sono incentivabili gli interventi di incremento dell’efficienza energetica in edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, dotati di impianto di climatizzazione. In particolare:

  • isolamento termico di superfici opache delimitanti il volume climatizzato;
  • sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi delimitanti il volume climatizzato;
  • sostituzione di impianti esistenti per la climatizzazione invernale con nuovi impianti ad alta efficienza energetica, quali caldaie a condensazione;
  • installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di finestre/porte-finestre con esposizione da Est-sud-est a Ovest, fissi o mobili, non trasportabili;
  • interventi di riqualificazione energetica per trasformare gli edifici esistenti in "edifici ad energia quasi zero";
  • sostituzione degli impianti di illuminazione di interni e delle pertinenze esterne con sistemi ad alta efficienza, per la riduzione del consumo energetico;
  • installazione di sistemi di gestione e controllo automatico degli impianti termici ed elettrici degli edifici, ivi compresa l’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore.

Sono incentivabili anche gli interventi di piccole dimensioni di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza in edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, dotati di impianto di climatizzazione. In particolare:

  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale, anche combinati per la produzione di acqua calda sanitaria, dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica, unitamente all’installazione di sistemi per la contabilizzazione del calore nel caso di impianti con potenza termica utile superiore a 200 kW;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti o di riscaldamento delle serre e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa, unitamente all’installazione di sistemi per la contabilizzazione del calore nel caso di impianti con potenza termica utile superiore a 200 kW;
  • installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e/o ad integrazione dell’impianto di climatizzazione invernale, anche abbinati a sistemi di solar cooling, per la produzione di energia termica per processi produttivi o immissione in reti di teleriscaldamento e teleraffreddamento. Nel caso di superfici del campo solare superiori a 100 m2 è richiesta l’installazione di sistemi di contabilizzazione del calore;
  • sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con sistemi ibridi a pompa di calore.
[FONTE: Art. 4 del DM 16/02/2016]

L’incentivo a cui si può accedere va dal 40% fino ad un massimo del 65% della spesa sostenuta. In particolare nel caso interventi di isolamento termico nelle zone climatiche E/F l’incentivo è pari al 50%, che diventa 55% se abbinato all’installazione di un nuovo impianto di climatizzazione invernale. Si arriva al 65% per opere di riqualificazione energetica che trasformano un edificio in "edificio a energia quasi zero" e per la sostituzione dei sistemi di illuminazione con dispositivi efficienti. In tutti gli altri casi l’incentivo è del 40%.

Spese ammissibili ai fini del calcolo dell’incentivo

L’Art. 5 del DM 16/02/2016 riporta, sulla base del diverso tipo di intervento, tutte le spese ammissibili che concorrono al calcolo dell’incentivo. Senza entrare nel dettaglio (per questo vi consiglio di cliccare sul link precedente), sono compresi i costi di smontaggio e dismissione degli impianti esistenti, fornitura e posa in opera dei nuovi sistemi, le opere idrauliche e murarie necessarie alla loro installazione, la fornitura e posa in opera di materiali utilizzati per la realizzazione a regola d’arte dei diversi interventi,..

Procedura di accesso agli incentivi

Per poter accedere agli incentivi le PA ed i soggetti privati possono presentare direttamente la domanda al GSE (Gestore Servizi Energetici), accedendo al Portaltermico, entro 60 giorni dalla fine dei lavori. Attraverso tale portale si invierà la documentazione necessaria per l’ammissione all’incentivo. Esiste anche un meccanismo di prenotazione per gli interventi non ancora realizzati che permette alle PA, direttamente o attraverso la ESCO (Energy Service COmpany) che agisce per loro conto, di presentare una scheda-domanda a preventivo per la prenotazione dell’incentivo. Per poter utilizzare la PRENOTAZIONE occorre però che si verifichi almeno una delle seguenti condizioni:

  • presenza di una Diagnosi Energetica e di un provvedimento che attesti la l’impegno a realizzazione almeno un intervento tra quelli inseriti nella Diagnosi Energetica;
  • presenza di un contratto di prestazione energetica stipulato con una ESCO;
  • presenza di un provvedimento che attesti l’avvenuta assegnazione dei lavori, unitamente al verbale di consegna dei lavori.
La richiesta di prenotazione deve essere accettata dal GSE. In tal caso, quest’ultimo procede a impegnare, a favore del richiedente, la somma corrispondente all’incentivo spettante da intendersi come massimale a preventivo. L’atto di conferma della prenotazione rilasciato dal GSE, costituisce impegno all’erogazione delle risorse fermo restando, a tal fine, il rispetto delle condizioni di cui al DM 16/02/2016.

Tabella durata dell’incentivo

Tabella tipologie intervento e durata nuovo conto termico


Torna indice articoli energia rinnovabile TORNA ALL’INDICE DEGLI ARTICOLI